venerdì 2 ottobre 2009

Trenette al finocchio e acciughe con salsa all’aglio e alga nori tostata

Dopo aver partecipato al concorso indetto da Sandra di Un tocco di zenzero in collaborazione con Guido Tommasi Editore mi sono innamorata di questo libro di Delphine de Montalier. L’ho guardato e riguardato più volte in libreria ammirandone le immagini, molto essenziali come piacciono a me. Altrettanto essenziali lo sono le ricette ma solo nella preparazione e non di certo nella scelta degli ingredienti. Abbondano infatti le erbe aromatiche e le spezie abbinate alle verdure in maniera originale. E’ da questo libro che ho tratto la ricetta che vi propongo, apportando qualche piccola variazione. Al solito le mie modifiche fra parentesi.





Ingredienti per 3 persone:
250 g di trenette o spaghetti
1 finocchio grande o 2 piccoli
pepe
un cucchiaio di uvetta
mezzo spicchio d’aglio affettato finemente (io ho sostituito con salsa all’aglio, due cucchiai abbondanti)
6 filetti d’acciughe sott’olio
3 cucchiai circa di olio extravergine di oliva
2 cucchiai di pan grattato (io mezzo foglio di alga nori)

Preparazione.
Pulite e lavate accuratamente il finocchio dopo averlo diviso in 4 quarti. Affettatelo finemente in una padella antiaderente (io ho usato la wok). Irroratelo con due cucchiai d’olio, pepate e fate cuocere a fuoco lento per 20 minuti con coperchio mescolando ogni tanto. Se vi accorgete che il finocchio si sta bruciando abbassate il gas! Il libro consigliava di coprire con carta stagnola invece che con coperchio e di lasciar “sudare” ma credo che con il coperchio si ottenga il medesimo effetto. A metà cottura aggiungete l’uvetta precedentemente ammollata in acqua.
Nel frattempo tagliate a pezzi piccoli le acciughe e unitele al cucchiaio di olio rimanente e all’aglio (salsa nel mio caso) in una ciotolina. Mescolate e mettete da parte. Unite questo composto ai finocchi quando questi saranno cotti.
Se usate l’alga nori, tagliatela a striscioline e tostatela passandola sopra il fuoco più piccolo del gas. Noterete che cambia colore e diventa friabile. Sbriciolatela in una ciotola e mettete da parte.
Cuocete la pasta in acqua salata. Scolatela al dente e fatela saltare per qualche minuto nella padella dei finocchi. Servite cospargendo di pan grattato o alga nori, a seconda di cosa avete scelto.



PS: trovo che l’alga nori stia benissimo in questo piatto. Io ne vado matta quindi non faccio testo, però vi assicuro che l’ha apprezzata anche mio padre, di solito piuttosto restio a certe sperimentazioni :-)

17 commenti:

  1. Anch'io ho quel libro e me ne sono innamorata proprio per lo stesso motivo. Mi piace anche la sezione finale nella quale vengono forniti consigli e spiegazioni sulle verdure suddivise per tipologia. Non ho mai provato l'alga nori, ma ti posso dire che l'aspetto del piatto è altamente invitante.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. Ciao! interessante questo libro!
    L apasta ci piace moltissimo: il finochcio dobbiamo ancora provarlo in un primo piatto..ma con acciughe ed uvetta..ci intrida proprio!
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. questa è alta cucina...ma non son linguine?io prorpio la pasta lunga non la conosco...la salsa lall'agli mi paice...far mangiare l'alga nori al marito invece sarà dura..ma che non ci proverò prima o poI???

    RispondiElimina
  4. Guarda, Sandra aveva contagiato pure me...però io avevo scelto il libro sui polli...devo dire fantastico davvero! Lo sfogliavo e risfogliavo...alla fine l'ho comprato!
    Non avevo mai pensato di mettere l'alga nori nella pasta, la trovo una ricetta molto originale!
    Un abbraccio e buon we!
    Castagna

    RispondiElimina
  5. Io invece non lo conoscevo questo libro. Vado subito a documentarmi, non prima però di averti detto che questo primo deve essere speciale ^_^

    RispondiElimina
  6. bellissima questa ricetta non ho mai usato il finoscchio su un primo asciutto! assolutamente da fare :-) buon w.e. Ely

    RispondiElimina
  7. In quanto ad uvetta e acciughe ci sono, da provare sicuramente insieme agli altri ingredienti, il piatto è molto invitante, te l'assicuro. Se tuo padre ha gradito credo che si possa star tranquilli anche per l'alga ;-)

    RispondiElimina
  8. un paitto e un libro interessantissimo e gustoso con ingredienti davvero originali come l'alga che per mia ignoranza nn ho mai sentito ma da provare!!bacioni imma

    RispondiElimina
  9. Devo assolutamente iniziare a giocare con le alghe pure io. Il fidanzato che non mangia pesce -che dici?- riuscirà a buttare giù almento queste??

    RispondiElimina
  10. piatto molto interessante! Brava!

    RispondiElimina
  11. un gran bel librohai fatto un ottima scelta e personalizzazione

    RispondiElimina
  12. Un festival di sapori che si abbinano perfettamente! Dai voglia di sperimentare e la foto è bella, essenziale come il piatto. Buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. @Camo: hai ragione, la sezione finale!è utilissima e ricca di consigli :) Alga nori, quella che si usa per i maki!

    @manu&silvia: effettivamente anche io ho sempre usato il finocchio come contorno, crudo o cotto, ma mai per un primo ;)

    @genny: si si linguine o trenette son la stessa cosa ;) secondo me l'alga al marito può piacere, ha un sapore gradevolissimo, tostata ancora di più!

    @Castagna_ eh si, anche quello sul pollo merita. In realtà io me li comprerei tutti i libri di Guido Tommasi editore ;))

    @sweetcook: ecco una cosa che amo dei foodblog...scoprire sempre nuovi libri ;)

    @Ely :era la prima volta anche per me, e la cosa mi ha subito incuriosito! E' piacevole la presenza del finocchio, leggermente dolce si combina bene con le acciughe!

    @Tania: si si può andar tranquilli, l'alga è un aggiunta mia che si può tranquillamente omettere...

    @Imma: se hai già mangiato al giapponese sicuramente l'avrai assaggiata... io la trovo buonissima!!! farei indigestione di maki!

    @Virgi: secondo me la manda giù eccome. Anche perché non sa "di mare". Una volta inumidita, ha una sapore erbaceo molto piacevole... ;)

    @Marta, Gunther: grazie :)

    @Dada: grazie Dada!troppo buona, la foto non è esattamente bella. Mannaggia a me quando ho acquistato quel piatto nero lucido x( è difficilissimo gestire i riflessi!

    RispondiElimina
  14. mmmm me che idee stuzzicanti e innovative qui... mi sà che me la devo comprare un po' d'alga....è che sono un po' impacciata nella preparazione... appena la compro e vado nel panico ti interpello:))))

    RispondiElimina
  15. Avevo già sentito parlare dell'alga nori tostata, ma non l'ho mai provata...mi ispira moltissimo!!! anche per farci i mix di spezie...
    Il piatto intero dev'essere una meraviglia...l'anno scorso ho scoperto la magiadei finocchi cotti in padella e ho continuato a farmeli cinque giorni su sette fino a che non son spariti dalla circolazione...non vedo l'ora di provare questa ricetta...

    RispondiElimina
  16. @maya: effettivamente se la usi per i maki...c'è da divertirsi ;)) non sono facili da preparare, ci vuole manualità! Ma tostarla è facilisssssimo ;)

    @mika: bell'idea quella di usarla nei mix di spezie!proverò a polverizzarla...è anche più facile da gestire ;)
    I finocchio io li adoro, in genere li cuciniamo a vapore e li ripassiamo in padella con burro e parmigiano :) ma anche così, fatti direttamente nella padella sono ottimi!

    RispondiElimina
  17. Mamma mia....questa ricetta è fantastica!!! Vado subito ad inserirla nella raccolta e presto presto, la proverò ;)
    Grazie mille!
    Ciao

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)