martedì 16 marzo 2010

Facciamo un giro al mercato?

Era tanto, troppo tempo che volevo fare un bel giro per il più grande e famoso mercato di Torino. Anzi pare che Porta Palazzo sia il mercato più grande d’Europa con i suoi quasi mille banchi. Guardate queste foto dall’alto per farvi un’idea! Credo sia una specie di paese dei Balocchi per un foodblogger! Ho passato tutto il tempo – circa 1 ora e mezza per girarlo per bene – esclamando ad ogni banco “Oddio guarda che bello! Che prezzi bassi! Che colori!”. Mi sono rimasti decisamente impressi i cartelli con su scritto 3 kg di arance tarocco 1 euro, 2 kg di mele o limoni a 1 euro oppure 10 carciofi a 1 euro. Prezzi davvero competitivi. 

Ecco questo post è per dirvi che se passate da Torino e avete un attimo di tempo Porta Palazzo vale la pena di essere visto. Non mi è mai capitato di vedere un mercato così fornito e completo. Qualsiasi tipo di verdura, frutta, carne, pesce e formaggio. E poi non ci sono solo le bancherelle della piazza ma anche una miriade di negozi nei paraggi. Per fare un giro nel quartiere date un’occhiata a questo video anche se risale a qualche tempo fa! Giuro che non mi lamenterò mai più dell’irreperibilità di alcuni prodotti :-)!

Certo, da sempre quella di Porta Palazzo è un zona “difficile”: per capire meglio cosa voglio dire vi invito a leggere quest’articolo su La Stampa a proposito del libro “Il mondo in una piazza” di Fiorenzo Oliva. Ma non è su quest’aspetto che volevo dilungarmi. 

Vi lascio qualche scatto del mio sabato mattina al mercato. Mi sentivo un po’ scema all’idea di far tutte ste foto ai banchi ma poi qualcuno ♥ mi ha detto “Ma tirala fuori la digitale!” e mi sono scatenata. 




 

 

 




Mercato di Porta Palazzo
Piazza della Repubblica, Torino
Orari: lun – ven mattino, sabato tutto il giorno 

Ceni - Piazza della Repubblica 5/H, Torino
Troverete qualsiasi tipo di legume. Come vedete dalle foto (ultimo collage) ha anche la roveja di cui si parla tanto nel blog in questo periodo.

Oriental Market - C.so Regina Margherita 119, Torino
Troverete tantissimi prodotti alimentari cinesi, giapponesi e non solo a prezzi decisamente ragionevoli.  

Marché Africain - Via delle Orfane 19, Torino
Prodotti alimentari africani – qui non ci sono stata ma è il negozio di cui si parla anche nel video.


 ______________________________________________________________________


PS: sono aperte le votazioni per Squisito 2010! Avete tempo fino al 4 aprile. Fiordilatte - Appunti di cucina è nella categoria Cucina (ricette). Dopo esservi registrati potete esprimere la vostra preferenza.

vota al BlogCafè

37 commenti:

  1. Lunga vita a quel qualcuno!!! ;;)
    Ma sì, che vogliamo farlo un bel giro come questo al mercato di Porta Palazzo! Considera che la prima volta che verrò a Torino ti toccherà farmelo fare...
    Guarda che adesso non puoi più lamentarti signorina, ok?!
    Buona serata e buonanotte!

    RispondiElimina
  2. No, aspetta... Ho sbagliato faccina...
    Volevo questa:
    :D
    Altrimenti sembra che faccia gli occhi dolci a quel qualcuno... :P
    Un bacio!

    RispondiElimina
  3. se sale la Caro io vengo con lei, sappilo! :D
    stupendo!! e menomale quel qualcuno ti ha fatto fare queste meravigliose foto!
    notte!

    RispondiElimina
  4. eheheh lo conosco molto bene!
    PS menomale che non volevi fare foto,eh?!
    un abbraccione

    RispondiElimina
  5. @Caro e Juls: ahahah guardate che io vi aspetto! :) Sarebbe bellissimo farvi da guida!!

    @castagna: eeeeh lo immaginavo che per te sarebbe stato moooolto familiare. E' un bellissimo mercato problematiche a parte :)

    RispondiElimina
  6. Ma è veramente il paese dei balocchi!! Dovrò fare una gita a Torino con l'arrivo della primavera ;)

    RispondiElimina
  7. Me lo sono perso quando sono venuta a Torino: ora mi toccherà venirci apposta per andarci! :D

    RispondiElimina
  8. ma quanto e' bello questo mercato!

    RispondiElimina
  9. ma che meraviglia! A Torino sono stata un paio di volte, ma questa chicca non la sapevo!grazie del suggerimento,e e se organizzi una gita di grupppo, vengo anche io! :D

    RispondiElimina
  10. ho la fortuna di avere un moroso che studia a Torino, così con la scusa di andarlo a trovare, ogni volta faccio il mio tour a Porta Palazzo! Luogo meraviglioso, multietnico, ricco, vivace... Mi fa sentire cittadina del mondo! :D e mi fa anche far muscoli per portare a casa tutte le cose che compro! :P

    RispondiElimina
  11. fantastico!! e io che nella mia provincialotta faccio fatica a trovare anche le cose più comuni come la quinoa o le farine un pò diverse dal frumento normale :( sono un pò fuori zona ma, chissà prima o poi.... beata te che ce l'hai a portata di compere!! Ah... le foto rendono benissimo l'idea:D

    RispondiElimina
  12. Sì sì..anch'io ringrazio quel ♥ qualcuno!
    Con tutti i crismi fa così: io, me medesima, Mari dico: "Grazie oh ♥ quel qualcuno! Meno male che ci sei!"

    Sarebbe stato un vero peccato non scattare Giada! Hai un tale talento fotografico, poi!

    Ma davvero il più grande d'Europa? Troppo forte! E' bellissimo, un tripudio di ogni meraviglia!!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  13. Ma come ci possono essere dubbi!!!??? Dopo questo post è evidente che il prossimo raduno debba essere a Torino!!!!!
    Un bacio
    Eva

    RispondiElimina
  14. Che spettacolo questo mercato!!! peccato che torino non sia proprio vicino a bologna altrimenti sabato prossimo era giò la. Bellissimo con tutti quei colori...e poi 3kg di arance a 1 euro da noi te le sogni :(

    RispondiElimina
  15. Dimenticavo...perchè non ci facciamo il prossimo raduno? io poi non ho mai visto torino e ci farei volentieri una visita ;)

    RispondiElimina
  16. Ma che meraviglia di mercato...io ci andrei di corsa, quante bellissime cose!!!!!

    RispondiElimina
  17. bellissime come al solito le tue foto!
    Io adoro andare al mercato (non i mercatini! no, proprio il mercato alimentare, quello con l'acqua sporca per terra!) ma non riesco mai.

    RispondiElimina
  18. E' doveroso lasciare a casa ogni pregiudizio e avventurarsi in quel mercato, anche nella zona non alimentare, e fermarsi a mangiare al Grand Maghreb nell'angolino, all'imbocco di corso Giulio Cesare, dove fanno un cous cous da favola ('signur, è un po' che non vado,mi viene voglia a quest'ora!) e una tahine con le prugne..... ve li raccomando!

    RispondiElimina
  19. Che bello questo post!! sarebbe bello un reportage fotografico, da parte di ogni blogger,sul mercato del proprio paese...secondo noi ne verrebbe fuori una raccolta carinissima: emergerebbero le caratteristiche di tutta italia! cosa c'è di più tipico del mercato paesano???!!
    Scusa...un'idea...
    Un bacione

    RispondiElimina
  20. Vedo che qui raccogli adesioni per il giro al mercato!?! Allora conta anche me! :)
    Bacioni bella!

    RispondiElimina
  21. @tutte: ragazze ma qui dobbiamo organizzare un giro al mercato!!! :D Mercato al mattino e Eataly al pomeriggio ;) Se qualcuna di voi passa davvero per Torino sarò felicissima di portarvi!

    RispondiElimina
  22. adoro i mercati mettono subito allegria con i loro colori profumi....questo è davvero uno spettacolo!!baci imma

    RispondiElimina
  23. Che spettacolo! E chi se l'aspettava l'esistenza di questo gioiello? Io no XD!
    Ma quanta roba è tornata a casa con te ??
    Per la serie: voglio TUTTO !!!!

    Barbara M.

    RispondiElimina
  24. Un reportage fotografico come questo spiega meglio di qualsiasi comizio quali siano i vantaggi dell'apertura verso culture "diverse"...
    Un mercato irresistibile, che purtroppo non ho mai visitato. Anche se mi rifaccio abbondantemente con sortite varie in altre piazze, sparse per l'Europa.
    A presto!

    Sabrine

    RispondiElimina
  25. Sbaglio o ho visto anche la roveja tra quei legumi?! Sono rimasta incantata di fronte a questo enorme mercato, spero prima o poi di riuscire a visitarlo tutto con i miei occhi (povero il mio portafoglio però!).
    Baci

    RispondiElimina
  26. Che bello!!!
    Sono stata un paio di volte, avevo un fidanzato torinese.....che ricordi!! ;;)

    RispondiElimina
  27. che meraviglia poter avere a disposizione primizie del genere...

    RispondiElimina
  28. che belle foto! ma quanti tipi di fagioli cisono?
    Ciao!

    RispondiElimina
  29. Arrivoooooo!!! ...che foto bellissime...che voglia di girovagare per quei banchi, ricchi di spunti e ispirazione!:))

    RispondiElimina
  30. Qui da noi a Pordenone ce lo sognamo un mercato così!

    RispondiElimina
  31. @tutti:
    ehehe ragazze diciamo che ho comprato un paio di cosucce! :D Camo la roveja non sono riuscita a prenderla! Non immagini che coda c'era nel negozio! Ci riprovo in settimana però :P

    @Acquolina: di preciso non so ma io non ne ho mai visti così tanti tutti insieme ;)!

    RispondiElimina
  32. Ah ah! Capisco, anche io mi sentirei un po' strana a fare le foto al mercato della mia città :P Guarda che belle però, hai fatto bene!

    RispondiElimina
  33. Ciao ! Anch'io sono di Torino e non avevo un bel ricordo di PortaPalazzo fino ad aver visto il tuo post...da piccola mio padre mi costringeva ad andarci ogni sabato solo che dovevo sempre seguirlo nei suoi giri e non avevo il tempo di curiosare tra i banchi che interessavano a me..ed è nata l'antipatia... grazie...credo che uno di questi sabati ci farò un giretto

    RispondiElimina
  34. questo post mi fa salire la salivazione... mmmmmmmmmmmh

    quelle mattonelle di capra e i salamini...

    RispondiElimina
  35. @barbara: alla fine sembravo una turista! :)

    @Alexli: felice di averti invogliata! ;)

    @desperate.viz: pensa passeggiarci per un'ora e mezza. non va via a mani vuote di certo :)

    RispondiElimina
  36. Quando andavo all'università, dal mercato di porta palazzo ci passavo ogni mattina alle 7: i banchi che si montavano, ancora nessuno ad urlare "Comprate, 2kg 1€!", i neon dei banchi senza le tende, i carrettini a mano e quelli con il motorino, le cassette da scaricare, ancora nessuno a vendere borse e menta e assenzio ai lati della piazza, ma già qualche vecchina curva sui bordi del marciapiede dove giace la frutta rovinata dal trasporto pronta ad essere buttata, un sacco di ragazzini con scarificazioni sulle braccia ad aiutare per allestire...
    e poi, ci ripassavo appena prima che chiudesse, quando già i casalinghi cominciavano a smontare, per approfittare delle offerte che ormai avevano raggiunto i 3kg 1€ per la frutta di stagione mentre le verdure marce sgocciolavano i loro succhi fino ai binari del tre. e il sabato ci ritornavo, dopo l'immancabile giro al baloon, per avere il tempo di tuffare occhi e naso su tutta quella meraviglia colorata, brillante, profumata, decantata incessantemente dalle grida instancabili dei venditori.
    poi ci ho pure vissuto a portapalazzo e quando me ne sono andata, ho ricercato la stessa atmosfera nei mercati di altrove, ma nemmeno ballarò a palermo o noailles a marsiglia mi sono bastate per ritrovare purtapalass (anche se sono imperdibili pure loro).

    Un consiglio: se volete frutta e verdura davvero buoni, autentici e non troppo brillanti, potete passare tra le bancarelle dei contadini, sotto la tettoia dietro quella dei casalinghi...

    ps: porta palazzo non è un quartiere "difficile". È un quartiere dove le contraddizioni sociali che attraversano tutta la nostra società si fanno sentire, é un quartiere dove l'ingiustizia e l'ineguaglianza si vivono sulla propria pelle, ogni giorno. È un quartiere dove casa può voler dire uno stanzino affollato, strapagato illegalmente, con i soffitti che si scrostano, senza nemmeno un bagno; può voler dire gli stessi locali che il padrone di casa osa chiamare abitazione, si venga sbattuti giù dal letto alle 6 dalla celere, perché nel palazzo ci sono dei clandestini. È un quartiere che vede, in mezzo al mercato così affascinante, la stessa brigata alpina che si occupa di sedare i conflitti in Afganistan (e che può piombarvi addosso se crede stiate facendo qualcosa che non le aggrada), è uno dei primi quartieri ad aver visto il divieto di mangiare per strada (il cosiddetto decreto antibivacco)...
    Pur essendo impossibile dare un'idea a tuttotondo delle complessità di questo quartiere, un antropologo, Carlo Capello, ha scritto un saggio di cui parla di Porta palazzo e del suo mercato, una lettura che può essere un buono spunto per cominciare ad afferrare qualcosa in più.

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)