lunedì 9 agosto 2010

Arrosto in salsa di olive verdi, pinoli e acciughe

Questa settimana appena trascorsa è volata come niente fosse tra lavoro, “cucinamenti” in tandem con mia madre ed una gita in montagna nel weekend. Ormai sono tutti in vacanza. Amici e bloggers preparano le valigie per andare a godersi il meritato riposo (Arrrrrrgh!io sarò a Milano per TUTTO il mese di agosto…tristezza immensa!). Va beh, guardiamo il lato positivo: non è rimasto più nessuno ma in compenso avrò taaaanto tempo libero da spendere in cucina quando torno a casa. Per di più anche le mie coinquiline andranno in vacanza…una pacchia insomma!  

Arrosto in salsa di olive verdi, pinoli e acciughe
Venerdì scorso, arrivata a casa, mia madre mi ha proposto di cucinare insieme l’arrosto… Detto, fatto! Non si sa perché ma questa settimana si è lanciata nella sperimentazione di diverse ricette tratte dal numero di agosto di Sale&Pepe. Anche l’arrosto che vi propongo oggi viene da lì. Non è da lei eh cucinare così tanto e tutti piatti nuovi, ma io son contenta :-)  Come dico sempre a Sara, faccio davvero fatica a cucinare la carne. Non ne vado matta in generale ma alcune tipologie, come l’arrosto, mi piacciono molto. Il problema di fondo è che non mi sento ispirata come lo sono per i dolci. In genere dietro ad un piatto di carne o pesce c’è sempre l’input di mia madre come in questo caso :-) Diciamo che pian piano, sotto la supervisione di mamma ♥, sto imparando a gestire questo taglio di carne…non che sia particolarmente difficile eh!      
 

 
Arrosto in salsa di olive verdi, pinoli e acciughe

Ingredienti (per 6 persone):
800 g di carne di vitello, taglio per arrosti*
80 g di olive verdi denocciolate
50 g di pinoli
4 filetti di acciughe sott’olio
6 cucchiai di olio extravergine d’oliva
2 rametti di rosmarino
un bicchiere di vino bianco secco
brodo q.b.
sale, pepe

* Sale&Pepe suggerisce il codino di vitello. Noi ci limitiamo a chiedere un taglio per arrosti al macellaio di fiducia :-)

Preparazione:
  1. Legate la carne con spago da cucina o fatela legare dal macellaio. –> Mia madre non lo lega mai l’arrosto e quindi nemmeno io l’ho fatto. Qui ammetto la mia totale ignoranza in materia. La legatura sarà fondamentale? 
  2. Tostate i pinoli in una padella antiaderente senza condimento per qualche minuto e poi trasferiteli su di un tagliere. Tritatene le metà con metà delle olive verdi e mettete da parte. Scaldate l’olio in una casseruola dal fondo spesso e fatevi rosolare la carne su tutti i lati finché non risulterà ben dorata. Bagnatela con il vino e fatelo evaporare a fiamma vivace.
  3. Salate leggermente e pepate la carne; unite il rosmarino e le acciughe schiacciandole con il dorso di un cucchiaio di legno. Aggiungete anche il trito tenuto da parte e le olive e i pinoli interi rimasti. Proseguite la cottura  a fuoco moderato (senza coperchio!) per circa un’ora e mezza, rigirando la carne di tanto in tanto e bagnandola con del brodo per evitare che si asciughi. 
  4. A fine cottura eliminate i rametti di rosmarino e fate riposare l’arrosto per una decina di minuti. Tagliatelo poi a fette non troppo sottili e trasferitelo in un piatto da portata irrorandolo con il suo fondo di cottura.


Posso dirvi che questo arrosto è stato molto apprezzato dalle solite cavie, pardon, commensali di casa mia :-) son soddisfazioni vederli mangiare così! 

17 commenti:

  1. Se può consolarti le mie ferie sono finite e ti scrivo dal lavoro :-(
    Grazie di questa bella ricetta, come te anche io cucino con molto entusiasmo dolci e primi piatti, ma sono piuttosto limitata nei secondi, probabilmente perchè mi piacciono meno, ma questo arrosto con i pinoli mi stuzzica parecchio.
    Brava come sempre :-)

    RispondiElimina
  2. ciao giadina!
    sei ancora a milano o già rientrata a casa?
    ti mando ubìn abbraccio grande grande
    b

    RispondiElimina
  3. Come ti capisco con questa storia della carne! Io ho lo stesso identico problema, anche se mi piace molto mangiare alcuni piatti di carne...
    Vero che è ancora più bello cucinare con la propria mamma quando si rientra a casa?! ;) Io lo adoro!
    Fotografare la carne non è per niente semplice, ma tu ci sei proprio riuscita!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  4. Ciao! molto gustosa al salsa per questo arrosto: dai sapori forti e quasi mediterranei! certo che ce la segnamo!!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Buongiorno Giada!
    Grazie per la citazione :)) Come credo di averti detto forse già una volta, nemmeno io all'inizio avevo chissà quale passione per i secondi di carne (parlo di cucinarli naturalmente), come te dicevo che i dolci mi regalavano molte più soddisfazioni, e invece... siamo lì! Secondo dopo secondo mi si è piano piano aperto un nuovo mondo del quale gradualmente mi sono innamorata :)
    Venendo alla legatura, io lo lego sempre, o meglio quando posso mi faccio legare il pezzo di carne dal macellaio di fiducia, trovo che mantenga meglio la forma in cottura.
    Mi piace molto questa ricetta, da provare!

    Un abbraccio e scusa se sono stata un po' prolissa :D

    RispondiElimina
  6. Che buono, sembra davvero gustoso!

    RispondiElimina
  7. Complimenti per la ricetta e le foto, molto buona e belle! Il pezzo di arrosto si lega per evitare che la carne si deformi o si sfaldi in cottura e lo spago serve anche a fermare gli aromi sulla carne.

    RispondiElimina
  8. Ciao Giada, quando ho visto su fb il link con un secondo mi sono detta: " un secondo??? non mi pare di averne mai visti da Giada!" e forse non mi sbagliavo... anche io non amo cucinare i secondi (lo faccio per necessità, ovviamente i miei figli devono mangiare un po' di carne ogni tanto;) i dolci mi piacciono moooooolto di più! questo mi sembra una buona idea per non fare sempre il solito arrosto!!! Brava!

    RispondiElimina
  9. Molto buono, quel sughetto po dev'essere divino...me lo segno, io coi secondi ho sempre qualche problemuccio di scarsa fantasia...
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  10. L'avevo addocchiata pure io questa ricetta, saporita e buona anche fredda! bacio

    RispondiElimina
  11. che arrosto! Mi vie voglia di farci una bella scarpetta, con tutto quel sughetto invitante!!!Un bacio grosso e complimenti per foto e ricetta!!!

    PS: Io sono appena tornata e già son sotto studio...sigh!

    RispondiElimina
  12. ciao cara, ho appena scoperto il tuo blog! Possibile?? per fortuna è successo e mi piace molto. Questo arrosto mi sembra molto buono e profumato, quindi potrei anche provarlo, tra le altre mille cose che ho da provare...
    Bè, se può consolarti non sei l'unica ad essere rimasta in città, quindi facciamoci compagnia, vieni a trovarmi quando vuoi ;)

    RispondiElimina
  13. Sai questo arrossto come viene bene con la carne argentina..dai dai continua a sperimentare che questa volta non ho problemi con la materia prima..Baci

    RispondiElimina
  14. Buonasera a tutti! vi ho stupito eh oggi con la carne???? :P
    Vi ringrazio anche per i consigli sulla legatura...la prossima volta lo faccio!
    :*

    RispondiElimina
  15. anche io solitamente preferisco cucinare i dolci.. cavoli che riuscita il tuo arrostino..buooooooooo
    vale

    RispondiElimina
  16. me lo stavo perdendo?io non so mai come cucinarla sta benedetta carne..questa è un'altra idea da ppuntarsi..e su sale e pepe non l'avevo vista, mentre ora nel tuo piatto fa una gola..sarà che è mezzogiorno!:D

    RispondiElimina
  17. @ va@le: era davvero buono! tanto per cambiare dalla versione classica :)

    @genny: nemmeno io l'avevo notato!! anzi quel numero di Sale&Pepe mi era sembrato orribile XD meno male ch emia madre è più attenta di me a volte!

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)