lunedì 11 ottobre 2010

Cjalsòns 2010 e il contest InventaMela

Cjalsòns


No, sono due cose diverse. I Cjalsons non c’entrano nulla con il contest di cui vi parlerò più sotto. Procediamo con ordine. Qualche tempo fa Rossella del blog Ma che ti sei mangiato? ha invitato numerosi blogger a partecipare alla sua iniziativa sui Cjalsòns, dei ravioli tipici friulani. Si trattava di replicare una delle 3 ricette da lei proposte e tratte da “Vecchia e nuova Cucina di Carnia“ di Gianni Cosetti (disponibile qui
http://www.transalpina.it/ ) oppure una delle 3 concesse in esclusiva dalla figlia Anna Cosetti. Per saperne di più sul cuoco stellato Gianni Cosetti vi invito a leggere questo post. Non si vince nulla e non ci sono sponsor ma si tratta di un’iniziativa con cui Rossella ha voluto far conoscere il Friuli e il cuoco Cosetti e alla quale abbiamo aderito in molti spinti dalla curiosità di preparare un piatto nuovo :-)
Io ho scelto la ricetta dei Cjalsòns rustìcs che non ho modificato. Ho voluto infatti testarla così com’è per poi eventualmente procedere a delle modifiche o migliorie. Trovate i miei commenti in corsivo.

Cjalsòns




Ingredienti:
Per la pasta:

300 gr di patate
200 gr farina 00
1 uovo
noce moscata
1 ciuffo di prezzemolo
Per il ripieno:
100 g di salsiccia fresca
mezzo bicchiere di vino bianco
1 uovo sbattuto
Per la salsa:
200 g di ricotta fresca
200 ml di latte
pepe nero
Procedimento:
  1. Preparate la pasta lessando le patate ben lavate con la buccia, pelatele, passatele al setaccio e lasciatele raffreddare, quindi impastatele con l’uovo, la farina, la noce moscata ed il prezzemolo tritato. Qui io ho dovuto aggiungere più farina perché l’impasto era davvero troppo molle. Evidentemente dipende dal tipo di patata che usate e da quanta acqua questa assorbe. Regolatevi ad occhio.
  2. Per fare il ripieno, rosolate in un tegame la la salsiccia sbriciolata, bagnatela con il vino bianco e lasciate evaporare. Nella ricetta di parla di uovo sbattuto che io ho omesso non sapendo bene come comportarmi. 100 g di salsiccia sono troppo pochi per la quantità di pasta da me ottenuta. Ne consiglio almeno 200 g. Io dopo averla cotta l’ho poi tritata finemente.
  3. Stendete la pasta sottile sulla spianatoia infarinata e badando che non si attacchi tagliate dei dischi
    di 6 cm di diametro, quindi ponete al centro di ognuno un cucchiaio di ripieno. Ripiegate i dischi e richiudeteli bene premendo i bordi. Rimpastate gli scarti e ripetete l’operazione.  Io ho usato la macchinetta per la pasta Imperia allo spessore 2. Io ho poi lasciato asciugare i ravioli una notte all’aria.
  4. Cuoceteli in acqua bollente salata per alcuni minuti, quindi scolateli. Io ho impiegato circa 15 minuti per una cottura ottimale.
  5. A parte preparate una crema tiepida frullando la ricotta col latte caldo; versate su ogni piatto questa
    salsa, sei cjalsòns caldi e spolverate con pepe appena pestato grossolanamente ne mortaio. La salsa con la ricotta è venuta davvero troppo liquida. Suggerisco di lavorare la ricotta con una frusta e aggiungere ad occhio del latte caldo se necessario.

Se mi sono piaciuti? A parte il ripieno un po’ scarsino e la salsa troppo liquida direi proprio di si! Si tratta di migliorare nei dettagli ;-) Ho apprezzato particolarmente la pasta che secondo me si presta a davvero tanti ripieni!

Cjalsòns





Cambiando un attimo discorso… vi consiglio vivamente di passare da lei oggi perché ha in serbo per voi una bella sorpresa. Avete già letto? Su su correte! E preparatevi a…


Contest di Arabafeliceincucina!

28 commenti:

  1. Come ho gia' scritto in un altro blog che li ha presentati, e' la prima volta che vedo questi ravioli e ne sento parlare.
    La mia curiosita' e' molto solleticata da questa pasta con la patata!

    E grazie, caro giudice ;-)

    RispondiElimina
  2. belissimi! io li conoscevo alle rape rosse, buonissimi, proverò questa ricetta!
    Ciao da Francesca

    RispondiElimina
  3. non sono molto brava in cucina però proverò questa ricetta magari il mio fidanzato finirà con il dirmi che sono una pessima cuoca! se vuoi guardare il mio blog:http://www.arieninwonderland.blogspot.com/ puoi trovare qualche consiglio sui film da vedere! Arien

    RispondiElimina
  4. Che belli questi cjarsons !!! Partecipo anche io alla sua iniziativa!!!

    UN bacio

    RispondiElimina
  5. Ciaooo!!!Neanch'io ho mai sentito parlare di questi ravioli..però hanno un bell'aspetto..e sicuramente un ottimo sapore!!

    RispondiElimina
  6. Gia visti, ma con un ripieno diverso, devo assolutamente provarli, credo di non averli mai mangiati e m'intriga molto la pasta fatta con le patate e poi estesa normalmente, inoltre i tuoi sono davvero carini!
    Buona settimana:)
    Patricia

    RispondiElimina
  7. Da provare..(adattati..) ! Un abbraccio, Simonetta

    RispondiElimina
  8. ma sai che questo piatto non lo consocevo proprio e potrebbere entrare direttamente tra i miei preferiti??mi ispira proprio tanto!! e complimenti per il ruolo di giudice!!

    RispondiElimina
  9. Anche io li ho fatti giusto ieri...Appena trovo un secondo faccio il post anche io...Tu sei stata bravissima...
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. favolosi Giady, questi Cjalsòns sono stupendi e assai invitanti. Perfetti tra l'altro. Sei una grande.

    (il commento al completo te lo lascio su facebook..:D)

    bacio Giady

    RispondiElimina
  11. Ti rinnovo i miei complimenti per le foto che sono davvero belle.
    E come sempre è un piacere leggerti per la tua sincerità e spontaneità! :)
    Adesso corro a sbirciare questa storia della mela...
    Un bacio e buonanotte,
    Caro

    RispondiElimina
  12. Non li ho mai sentiti e devo ammettere che la cosa che mi incuriosisce di più è la pasta....molto particolare. Da provare sicuramente.

    RispondiElimina
  13. Ciao stella! mamma che buoni e che voglia mi fa questa pasta con le patate...
    e adesso me ne vado a sbirciare cosa succede con le mele...:)
    un bacione e a presto!

    RispondiElimina
  14. Anche io li ho fatti e anche io ho dovuto aggiungere più farina e più salsiccia!! :)
    A me sono piaciuti!

    RispondiElimina
  15. Brava e grazie.
    Concordo sul quantitativo di salsiccia, li ho provare anch'io ieri seri.
    Per l'uovo io ho risolto unendolo prima alla salsiccia e poi cuocendo il tutto come da istruzione. Risultato ottimo.
    La salsina era liquida, ma lasciandola qualche minuto sui Cjalsons caldi rendeva bene. Mi ricordava anche un piatto della nonna quel mix di latte e ricotta.

    RispondiElimina
  16. siamo un gruppo di golose d'assalto!! :))))
    domani.....tocca a me!

    RispondiElimina
  17. P.s. dimenticavo: i tuoi sono bellissimi e a me sono piaciuti molto!

    RispondiElimina
  18. uh penso che apprezzerei molto anche io!!! :)
    un bacio Giadaaaaa

    RispondiElimina
  19. ciao, sono valentina, nuova sostenitrice del tuo blog, bellissimo...bella questa ricetta, che sicuramente copierò...un abbraccio, ti seguo!

    RispondiElimina
  20. Buonasera a tutti! Io ormai rispondo con il solito ritardo XD non vedo l'ora di vedere i Cjalsòons degli altri partecipanti ;)
    Ne approfitto anche per dare il benvenuto ai nuovi lettori :D!!

    RispondiElimina
  21. i tuoi cjalsons devono essere davvero buonissimi!!!Ne frego un piattino per "poterli assaggiare per bene" (eheheh tutte scuse!)

    RispondiElimina
  22. :) giadina!!!!! ci si vede venerdì sera???? si!! ok, porta questi :DDDDDDD
    besos

    RispondiElimina
  23. Invitanti...la cremina fa veramente gola!

    RispondiElimina
  24. A questo punto ti tocca provare anche quelli polacchi che sono BUONISSIMI. Si chiamano Pirogi. Qui la ricetta: http://www.pausacaffe.org/2010/01/16/il-gusto-dellinfanzia-tortelloni-polacchi-pierogi/

    Ciao

    RispondiElimina
  25. ciao carissima, anch'io iho partecipato e ben volentieri, specie se c'è di mezzo un ché di culturale come proprio in questo caso :-) belli e buoni anche i tuoi cjalsons: li avevo adocchiati fra le ricette, e li proverò alla prossima salsiccia!!

    RispondiElimina
  26. your blog is fantascic : ) great !


    if, you want follow me :*

    RispondiElimina
  27. Bellissima ricetta, sono sempre molto attratta dalle ricette regionali, sarà perchè adoro viaggiare, e nel cibo trovo sempre un pezzetto di territorio...
    baci

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)