lunedì 24 gennaio 2011

Sant’Orso e le Miasse

Avrei voluto parlarvi della fiera di Sant’Orso di Donnas già la scorsa settimana ma ahimé avevo lasciato le foto a Torino. Aggiungete a questa dimenticanza un po’ di svogliatezza generale ed ecco fatto, rischiavo di parlarvi di questa meravigliosa fiera ad agosto! Si tratta di una fiera dell’artigianato valdostano ma per mia immensa gioia c’era un piccolo spazio dedicato anche al cibo…  

Fiera di Sant'Orso - Donnas (AO)

Non mi dilungherò molto per vostra fortuna. Giusto il tempo di condividere con voi una meravigliosa scoperta: le miasse. Dovete sapere che Donnas si trova vicina al confine tra Valle d’Aosta e Piemonte, subito dopo Quincinetto che pare essere uno dei paesi in cui ancora si può assaporare questo prodotto tipico. Ne ignoravo l’esistenza fino a domenica scorsa! Eppure non abito poi così lontano da questa zona :-) 

Le miasse sono delle piadine a base di acqua, farina di granotruco, uova e olio, cotte su apposite piastre che vengono riscaldate direttamente sul fuoco. Tutto dipende dall’abilità di chi le prepara: bisogna stendere la pastella sulle piastre e poi maneggiarle con i ferri appositi per bruciarsi. Semplicemente uno spettacolo! 

Fiera di Sant'Orso - Donnas (AO)

Dal libro La Cucina del Bel Paese ed. Touring leggo che la ricetta per la miassa richiede 300 g di farina di granoturco, 15 g di farina di grano, 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva, un uovo, acqua. Per ottenere miasse croccanti la pastella deve essere preparata a freddo. La procedura per cuocere le miasse comporta l’uso di apposite piastre di ferro, rettangolari, con quattro orecchie bucate agli angoli, spesso tramandate di generazione in generazione. Sulla piastra caldissima si stende uno strato di questa pastella che viene cotto nel focolare prima sopra il fuoco, appoggiando il ferro sul brander (una sorta di cavalletto), e poi davanti alla fiamma a riverbero, appoggiando la piastra sullo scott e girandola spesso con appositi ferri. Pochi minuti e la miassa è pronta per essere farcita con toma, fontina, salumi o salignun. Per i più golosi marmellata o nutella.
Pensavo di cimentarmi anche io nella preparazione delle miasse ma è difficile risalire alla ricetta precisa. Ancora più difficile mi sembra reperire le piastre in questione :-) 


Link utili: Fiera di Sant’Orso di Aosta – 29/30/31 gennaio per questa siete ancora in tempo!


PS: ma....notate nulla? Vi piace il nuovo vestito di Fiordilatte?? Dopo due anni mi sono perfino decisa a scrivere una pagina About semi seria :-)
.
.
.

13 commenti:

  1. Certo che ho notato, ma dammi il tempo di arrivare alla fine del post! ;)
    Se può consolarti neanche io sapevo cosa fossero queste miasse prima di leggere il tuo post. E questo uso dei ferri mi ha incuriosita un bel po'. Praticamente vengono usati per distendere l'impasto, giusto? Indicativamente come per una crêpes?
    Buona serata stella!

    RispondiElimina
  2. mi piace questa nuova Fiordilatte :DDD e le tue foto sono bellissime!!!Adoro queste fiere soprattutto perchè si scoprono nuovi sapori :DDD (della serie come sono terra-terra...sempre a pensare al cibo ;P)

    RispondiElimina
  3. Mi piace si il nuovo vestitino, trovo che sia proprio carino, allegro e divertente. Adoro tutte le fiere e le sagre dei piccoli paesini, è troppo bello vedere queste tradizioni secolari rivivere ad opera di mani esperte.

    RispondiElimina
  4. ciao tesoro!
    wella, ma che bel vestitino nuovo! ti si adatta proprio :)
    giada, ci vediamo a Milano nei giorni di Ig?
    fammi sapere!
    un bacio
    b

    RispondiElimina
  5. uhhmmm ....che bontà che sono.
    Da noi ci sono le MIACCE (valsesiane e non) che sono invece cotte su di una piastra rotonda (chiusa)..ingredienti più o meno simili, con latte e panna e farina normale.
    Questa è la nostra splendida Italia: ti sposti di pochi km, cambi qualche ingrediente ed ecco per magia una "cosa" tutta nuova!!
    Buon tutto e SMILE
    Lucy64

    RispondiElimina
  6. Ero lì che guardavo il template e dicevo "Ma se le dico che è diverso e invece è così da sei mesi?" invece è cambiato ed è fichissimo =) come le foto ma quelle lo sono sempre state =)

    RispondiElimina
  7. belle le foto, bello il template e anche la pagina about!:)
    e non ti dico le miasse che acquolina...

    RispondiElimina
  8. Wowwww, rientro in grande "stile", sono felice che tu non abbia una reflex, le tue foto sono meravigliose così, figuriamoci con sei etti di obiettivi in mano.

    RispondiElimina
  9. Mi piace molto il tuo nuovo vestitino, mi è piaciuto leggere il tuo post e guardare le foto ^_^ quindi ti ringrazio e ti ringrazio anche perchè non conoscevo le miasse, mi sembrano favolose, me le immagin belle croccanti visto che son fatte cn la farina di mais! ti ringrazio davvero ^_^

    RispondiElimina
  10. Ma ogni tanto qualche video al posto delle foto? Un piccolo salto di qualità che questo bel blog sicuramente meriterebbe ;)

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti per essere passati di qui :) come al solito rispondo in ritardo!

    @assolatteyogurt.it: beh io non mi offendo sai se smetti di leggermi? :P

    RispondiElimina
  12. la fiera di sant'Orso è spettacolare.....e fa sempre un freddo cane!!!!!!
    però ci sono degli articoli stupendi, fortunatamente esistono ancora persone che sanno usare il legno e lo fanno con passione!!!!
    complimenti per il tuo blog, lo trovo davvero molto curato e le ricette sono splendide....
    a presto,
    ciaooooooooooooo

    RispondiElimina
  13. Non conosco nulla di tutto ciò...
    Mi devo documentare meglio. Bella scoperta

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)