martedì 26 aprile 2011

E pastiera sia!

Pastiera

Questa Pasqua è stata la Pasqua della pastiera. Ho iniziato a cercare la ricetta che mi ispirasse almeno una ventina di giorni prima e come al solito twitter e facebook mi sono stati utilissimi. Questa volta devo ringraziare il gentilissimo Dario che mi ha passato una ricetta che mi ha convinta subito. Ho poi però ottenuto la versione di famiglia della mia collega beneventana Agata e il caso ha voluto che le due ricette fossero praticamente uguali. Ho scelto gli aromi della ricetta di Dario e le proporzioni uova-latte della ricetta di Agata. Risultato? Beh, io non sono napoletana e ho assaggiato la pastiera una sola volta, ma a noi questa qui è sembrata favolosa!    


Pastiera


Ingredienti per la frolla (stampo da 26 cm):
300 g di farina
150 g di zucchero
125 g di burro
1 uovo + 1 tuorlo


Ingredienti per il ripieno:
1 barattolo di grano cotto (580 ml)
500 ml di latte fresco parzialmente scremato
2 uova
250 g di zucchero
500 g di ricotta
90 g di arancia, cedro e zucca canditi
1 limone non trattato
3/4 cucchiai di acqua di fiori d'arancio
1 pizzico di cannella
pangrattato

 
Preparazione: 

  1. Coprite il grano di latte, unite la scorza di limone e fate cuocere lentamente. Mescolate continuamente finché non si sarà assorbito tutto il latte. Lasciare raffreddare.
  2. Preparate la pasta frolla (io inserisco tutti gli ingredienti nel robot), copritela e lasciatela riposare per mezz'oretta in frigorifero.
  3. Passate la ricotta al passatutto (io ho usato il minipimer) insieme al grano cotto. 
  4. Incorporate 250 g di zucchero, 2 tuorli, i canditi fatti a pezzetti piccolissimi, l'acqua di fiori d'arancio e la cannella.
  5. Imburrate e cospargete di pangrattato uno stampo da crostata (io ho usato la carta forno); rivestitelo con la pasta frolla (lasciandone da parte un po' per le striscioline di rifinitura), premendola con le dita e facendola rialzare ai lati, adagiatevi il composto di ricotta preparato.
  6. Livellate e rifinite con le striscioline di pasta frolla messe da parte.
  7. Cuocete la pastiera in forno caldo a 180° C per 50 minuti circa*
  8. Lasciatela raffreddare nello stampo e non tiratela fuori. Lasciate riposare per almeno 2 giorni in luogo fresco prima di servirla.
* al solito dipende dal vostro forno e dall'umidità del ripieno. Io ho impiegato 1 h e 15 minuti circa. 



Pastiera





Buoni propositi per il prossimo anno e consigli dei lettori:

  • provare a cuocere il grano/orzo/farro invece di comprarlo già cotto
  • stendere la frolla più fine 





 

23 commenti:

  1. Ciao! la ricerca ha avuto un'ottimo risultato! la tua apstiera è davvero molto bella ed invitante! bravissima, quelal fettina mette davvero fame!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Pensa che io non l'ho mai assaggiata! E tutte le Pasque non faccio altro che vedere un gran pubblicare pastiere in tutti i blog, ma non ho ancora preso il coraggio per farla. È che non avendola mai assaggiata non avrei un termine di paragone per capire se mi è venuta buona oppure no. Senti un po' se Agata fosse disponibile ad aiutare pure me... ;D
    Un bacio!

    RispondiElimina
  3. silvana forte26/04/11, 10:19

    ricetta molto fedele a quella insegnatami da mamma' che risale alla mia infanzia (anni '60 sigh!) ma un consiglio mi sento di darlo..invece dell'anonimo grano precotto provate ad usare del grano biologico, fatelo ammollare per 1 giorno poi fatelo bollire per c.a. 6 ore...il risultato giustifica quel po' di lavoro in più..provare per credere!!!!

    RispondiElimina
  4. @manuela e silvia: grazie ragazze!

    @Carolina: in effetti non avere il termine di paragone non aiuta ma io mi sono fidata di Agata :D dai dai dai prossima pasqua devi assolutamente provare!

    @Mirtilla: ;)

    @Silvana: Silvana non posso che darti ragione! volevo inizialmente prendere il grano (ho visto ricette anche con orzo o farro) ma quando ho letto che ci volevano giorni d'ammollo ho desistito. Lavorando a Milano e vivendo a Torino diventava difficile, ma prometto che il prossimo anno mi organizzo prima eheheh! ;)

    RispondiElimina
  5. Bella bella!!!
    Anche io quest'anno ho fatto la pastiera (canditi free però ;) ), e piace sempre a tutti! Bellissima la tua, complimenti!

    RispondiElimina
  6. Ma è bellissimaaaa!!!! Complimenti da parte di tutta la famiglia, sembra esattamente quella che facciamo qui a casa!!! ;)
    Sono contentissima di aver contribuito alla tua arte culinaria, è stato un vero onore!!!!!!!!!!!!!!! Baciiiii!!!!!!
    -Agata-

    RispondiElimina
  7. ti dirò, anche a me sembra favolosa !

    RispondiElimina
  8. Da campana non potevo che preparare anche quest'anno la pastiera. Mi sembra abbia un aspetto molto buono. L'unica differenza sostanziale con quelle che si fanno qui è lo spessore della frolla. Con 300 g di farina escono due gusci. A mio avviso deve essere sottile sottile, giusto un involucro!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  9. che meraviglia, la pastiera!!! mi è mancata moltissimo a pasqua. la mia mamma e io ne andiamo matte!!!! brava giada, sembra davvero ottima!

    RispondiElimina
  10. bene bene sappiate che la prossima volta farò tesoro di tutti i vostri consigli ;)

    RispondiElimina
  11. giada, a me questa pastiera piace un sacco! io ne ho fatta una pò diversa,domani la posto e poi facciamo il famoso confronto!

    RispondiElimina
  12. bellissima!!

    ma a cuocere il grano come si fa?

    RispondiElimina
  13. @gaia: e confronto sia! :)

    @maia: credo si debba mettere a bagno per 2/5 giorni, poi lo cucini in acqua bollente, lo scoli e lo metti a cuocere con il latte :) non sono sicurissima del secondo passaggio eh, ma ho un anno per informarmi :P

    RispondiElimina
  14. complimenti!!deve essere buonissima!baci!

    RispondiElimina
  15. care ragazze...per quello che riguarda la vecchia ricetta di mammà, la cottura del grano si fa in questo modo: dopo una notte di ammollo in acqua, si fa bollire per circa 3 ore, poi si cambia acqua, aggiungendo acqua calda e si riprendere il bollore per altre 3 ore circa fintanto che il grano non si apre un pochino..nella ricetta che mi è stata tramandata niente latte...

    RispondiElimina
  16. @Silvana: interessante! grazie :) quindi una volta cotto lo amalgami alla ricotta senza cuocerlo ancora nel latte?

    RispondiElimina
  17. ..si lo lascio raffreddare del tutto e poi lo amalgamo insieme alla ricotta e tutti gli altri ingredienti. Vi garantisco che anche il risultato
    estetico è bellissimo..

    RispondiElimina
  18. @Silvana: grazie ancora per i consigli :) in rete si trovano quasi tutte ricette con il grano già cotto ma conto davvero di provarci la prossima volta!

    RispondiElimina
  19. di solito me la porta un amica napoletana, quest'anno però niente :( mi godo la tua (solo con gli occhi purtroppo)
    ps aspetto la gaggia! ;)

    RispondiElimina
  20. Grazie per la citazione! Ho notato che hai optato per il burro nella frolla invece dello strutto, che io preferisco per la friabilità che si ottiene, ed addirittura solo 2 uova per la farcia, incredibile! Direi che ti è venuta benissimo, l'aspetto (che è l'unica cosa che ci è concesso, purtroppo!) è molto invitante! Complimenti!

    RispondiElimina
  21. @Dario: in realtà sono curiosissima di utilizzare lo strutto. Mia nonna l'ha usato per anni prima di convertirsi al burro :) Hai visto le sole due uova? Ero incredula anche io, così tanto latte e solo 2 credevo non si sarebbe mai rassodata e invece.. :)

    RispondiElimina
  22. Che nella la tua pastiera. Anche io l'ho fatta per Pasqua!
    http://lacucinaghiotta.wordpress.com/2011/04/28/la-pastiera-napoletana/
    Unico difetto della mia è che mia mamma ha avuto la geniale idea di spolverizzarci sopra lo zucchero a velo! Però ha fatto un gran successo. Mi segno anche la tua ricetta!
    A presto

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)