lunedì 10 ottobre 2011

Le Grand Fooding / Milano 2011

Lo spaghetto gigante - Le grand fooding Milano 2011


L’evento

Avete programmi per il 20-21-22 ottobre? No? Beh, allora correte subito a comprare il biglietto per Le Grand Fooding senza esitare. Dopo il successo della “prima edizione extra vergine” quest’anno si parla di cucina italiana in Italia e nel mondo. L’Italia, la pasta, il prosciutto, la mozzarella, la pizza... il ricco patrimonio culinario italiano verrà reinterpretato da grandi chef italiani e stranieri di origini italiane o filoitaliani seguendo il filo conduttore dello “spaghetto gigante”. La provocazione è chiara: E se la miglior cucina italiana non fosse più made in Italy?



Il programma

L’evento si svolge in via Tortona 31, presso l’ Opificio 31 – Tortona Locations, ed in ciascuna delle tre serate potrete vedere quattro chef all’opera, due italiani e due stranieri che si confronteranno sulla cucina italiana seguendo il filo conduttore dello “spaghetto gigante”.
Ogni serata si dividerà in tre momenti:

h 19 Le Grand Preludio – aperitivo con lo champagne Mumm Cuvée Privilège e le pizze di Charlie Hallowell e Jon Pollard. Ci saranno anche i cocktails “Spaghetti Western” a base di San Bitter e chinò delle ragazze di Arabeschi di Latte.

h 20.30 Le Grand Banchetto S. Pellegrino a Acqua Panna – la cena, non più in piedi ma seduti, dove potrete trovare i seguenti chef:
  • 20 ottobre: Moreno Cedroni, Davide Oldani, Federica e Fabrizio Mancioppi (Francia), Mario Carbone (USA) 
  • 21 ottobre: Mauro Colagreco (Francia),  Massimo Bottura , Pino Cuttaia, Pier Paolo Picchi (Brasile)
  • 22 ottobre: Cristiano Tomei, Giovanni Passerini (Francia), Andrea Berton, Christian Puglisi (Danimarca)
I primi quattro atti della cena saranno interpretati dagli chef e dai loro piatti. Gli atti conclusivi, il quinto e il sesto, vedranno come protagonisti il caffè Nespresso e la Selección de Maestros di Havana Club.
La tavola verrà imbandita dalla designer Paola Navone.

h 23 Le Grand Tabù – al suono della musica di Remy Kolpa Kopoul, deejay parigino, potrete assaggiare i cocktail di Rich Boccato e di Davide Trovato e Gianmario Barlocco creati con il rum Havana Club, la reinterpretazione del gelato Haagen Dazs creta da Franco Aliberti, la carne cruda di Franco Mazzali e Caffè Grand Cru by Nespresso per tutti.


I biglietti
Il biglietto per Le Grand Fooding costa 50 € (dall’aperitivo alla festa tutto incluso). Verranno messi in vendita, una volta esauriti i posti per la cena, dei biglietti promozionali a 15 € che vi consentiranno di partecipare alla festa a partire dalle 23.
Parte del ricavato della vendita verrà donato al CAF Onlus – Centro di Aiuto del Bambino maltrattato alla Famigli in crisi.

Il file rouge dello spaghetto - Le grand fooding Milano 2011

 

Allora? Chi di voi ci sarà? Io parteciperò alla serata di giovedì 20!



6 commenti:

  1. Io io io! io vengo!
    MAGARIIII :))
    Peccato che è così lontano. Bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  2. bellissimo! un po' lontano per me, che invidia :-D

    RispondiElimina
  3. eh lo so che per voi è lontano! questo è l'unico lato positivo dell'abitare a Milano :D gli eventi food!

    RispondiElimina
  4. io ci sarò, ma sabato. e non vedo l'ora, perché al di là del lato food sembra davvero un evento figosissimo!

    RispondiElimina
  5. Ciao Giada non so per quale stranissimo motivo ho scoperto il tuo blog solo oggi seppur ti ho sempre visto commentare da Carolina (web misteri:-).
    In pochi minuti ho letto con avidità i tuoi ultimi post che mi sono piaciuti molto anche perchè tratti sia di ricette che di itinerari gastronomici, viaggi e pendolarismo, tutte malattie da cui sono affetta anche io:-)
    Stavo pensando proprio stamattina di andare a Le Fooding, ma in caso non riuscissi (trasloco a Bra questa settimana:-) sono sicura di poter contare su un tuo resoconto!
    Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  6. Silvia sei gentilissima :) Ora che vedo il tuo logo anche io ricordo di averti sempre vista da Caro! in ogni caso piacere di conoscerti. Ho letto che hai studiato a Pollenzo e ora ci ritorni, quella zona è bellissima. Io abito un pelo più su nel Monferrato :)

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)