lunedì 12 dicembre 2011

Brut e bun piemontesi. Pronti per Natale? - MUM 5 #3

Pronti per Natale? Quanti biscotti e dolcetti avete in programma di regalare?? Io come l'anno scorso già so che arriverò il 24 impreparata, nonostante le impegnative sessioni su Pinterest in cerca di idee. Sono ancora indecisa ma molto probabilmente mi limiterò ai Brut e Bun e a qualche cioccolatino.  
La ricetta piemontese che vi presento oggi, e che va a concludere la trilogia in collaborazione con Bosch, è del pasticcere Papum mentre l'idea del cacao l'ho rubata a Laura Ravaioli di cui vi invito a guardare il video. 

Brut e bun - Brutti e buoni


Ingredienti:
125 g di albumi (4 uova medie circa)
250 g di zucchero
250 g di nocciole tostate
1 cucchiaio di cacao amaro
1/2 baccello di vaniglia

Preparazione:
  1. Tritate grossolanamente le nocciole con 50 g di zucchero. Più tritate le nocciole e meno i vostri dolcetti saranno "Brut". L'ideale è tritare con il mixer metà delle nocciole e l'altra metà tagliarla al coltello.
  2. Assicuratevi che gli albumi siano a temperatura ambiente. Montateli a neve ferma e unite man mano lo zucchero.
  3. Unite al composto ottenuto le nocciole tritate e poi il cacao setacciato. Accendete il forno a 150°C.
  4. Mettete sul fuoco a fiamma bassa il composto e mescolatelo con cura per 15/20 minuti circa. Noterete che cambierà consistenza e si asciugherà. Terminata la cottura unite la vaniglia.
  5. Formate i biscotti su teglia ricoperta di carta forno: aiutatevi con due cucchiaini e mi raccomando non eccedete con l'impasto. Cercate di creare dei piccoli cumuli. 
  6. Cuocete per 30/40 minuti a 150°C tenendo lo sportello leggermente aperto.
  7. Sfornate e lasciate raffreddare.
Nocciole


Idee per i regali golosi di Natale:
Sali aromatizzati - li trovate anche nell'allegato di cucina di CASA Facile di Dicembre!! :-) 



14 commenti:

  1. Io li adoro!!! anzi, dato che come te sono ancora alla ricerca di ideuzze per i regalini, me li segno!!!!! Grazie

    RispondiElimina
  2. Ecco: sono a caccia di ideucce per i pensierini di Natale e questa mi ispira un casino: sembrano anche facili da fare...sembrano... :-) Bravissima, complienmnti simona

    RispondiElimina
  3. Ottima ideona! Segno...segno....

    RispondiElimina
  4. ciao bella, io adoro letteralmente questi biscotti, sono nella todo list del 23 dicembre (primo giorno a casa in Italia senza...diciamo nulla da fare :-))
    prevedo di mangiarne decisamente troppi
    un bacione Giada!
    sonia

    RispondiElimina
  5. mi piacciono tantissimo...sono proprio da provare!!! ;)

    RispondiElimina
  6. "Brut e bun" mi fa morire! :D
    Te l'ho detto che conto ben due piemontesi doc nella mia redazione? Uno di Torino e l'altro di Cannobio. Sembriamo ad uno scambio interculturale in materia di alimentazione! ;)

    ps: come stai? :*

    RispondiElimina
  7. Che belli questi brut e bun (ok, so che è un po' un ossimoro, ma perdonatemelo)! E che buoni devono essere!!

    Ma soprattutto come mi sono persa un foodblogger coetanea e piemontese?!

    RispondiElimina
  8. buonissimi!Questi sono tra i miei biscotti preferiti!!!e finiranno di sicuro nella to-give-list :)))

    RispondiElimina
  9. I bruttiboni come si chiamano a Firenze...ora che ho la ricetta ci metto le mani sopra e poi ovviamente in pasta, perchè ero giusto in cerca di "luce" per i doni di Natale :)

    RispondiElimina
  10. da non credere ma non li ho mai assaggiati ma mi invogliano parecchio, la ricetta e semplice li aggiungo agli altri dolci da preparare per Natale.
    Ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  11. Gaia, mi domando se sei tu il blogger che ha menzionato macchine fotografiche usate comprate a Milano.

    Sto cercando di aiutare un amico che ha perso la sua Nikon e sta cercando di rimpiazzarla.

    Fammi sapere, grazie!

    laura DOT tiramisu AT gmail DOT com

    Ho sempre voluto fare i brutti ma buoni, provo subito, grazie!

    RispondiElimina
  12. I miei vengono ancora più brut! Ma i tuoi sono sicuramente più bun! Forse perchè salto il passaggio sul fuoco, proverò a farli così. A proposito, quando si mette il cacao amaro?

    RispondiElimina
  13. roby, loris ecco qualcuno che le ricette le legge! :D il cacao l'ho messo subito dopo le nocciole. Invece la Ravaioli mette prima il cacao e poi le nocciole. L'ho messo negli ingredienti e poi non l'ho richiamato ;) grazie per aver notato la svista!!

    RispondiElimina
  14. Passo per lasciarti i miei auguri per il nuovo anno alle porte.
    Che sia come tu lo desideri! :-)

    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)