mercoledì 31 agosto 2011

Tortine alla nocciola e miele, che sia il richiamo dell'autunno?

Tortine alla nocciola e miele



Non è ancora finita l'estate e io già penso a nocciole, miele, zucche, radicchio, ecc... Mi aspetta un settembre di fuoco con taaaaanti limoni e avevo bisogno di un dolce coccoloso e rassicurante che profumasse di casa (le nocciole igp piemonte!). Ad occhio non mi sembra nemmeno troppo calorico, ma via, non ci giurerei. Ottimo per la colazione ma se volete renderlo ancora più goloso decorate ciascuna tortina con miele e pasta di nocciole mescolate in parti uguali.

Tortine alla nocciola e miele


Ingredienti:
(per 15 tortine o una tortiera da 26 cm di diametro)
180 g di zucchero
3 uova
100 g burro fuso
30 g di pasta di nocciole*
40 g di miele di acacia
300 g di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
* Precisazione: per pasta di nocciole intendo la crema costituita da 100% nocciole tostate. La trovate sicuramente nei negozi tipo Naturasì e simili. O se volete comprarla online: qui, o qui. Se trovate la dicitura Nocciola Piemonte IGP la crema è ottenuta con la nocciola tonda gentile delle Langhe.  

Procedimento: 
  1. Con il Bimby. Montate le uova e lo zucchero con la farfalla: 4 minuti 37° vel 3. Togliete la farfalla. 
  2. Inserite nel boccale il burro, la pasta di nocciole e il miele:15 sec vel 5
  3. Aggiungete la farina e il lievito precedentemente setacciati e il pizzico di sale: vel 5 finché il composto non risulta omogeneo. 
  4. Senza Bimby: montate a lungo le uova con lo zucchero.  Aggiungete il burro fuso, il miele e la pasta di nocciole. Unite successivamente le farine setacciate con il lievito e il pizzico di sale. 
  5. Disponete in composto in circa 15 pirottini da muffin o in una tortiera da 26 cm di diametro.Infornate per circa 30 minuti a 180° C.
Tortine alla nocciola e miele


Vi segnalo due post decisamente interessanti per via degli spunti di riflessione che offrono:

Che ne pensate?


lunedì 29 agosto 2011

Sua Maestà Il Carpione

Sua maestà Il Carpione - ingredienti base


Io avrei la testa ancora qui ma ho anche un paio di post in arretrato da pubblicare prima che diventino obsoleti e mi passi totalmente la voglia. E il post sul Carpione non può assolutamente andare perso. Tutto è nato dall'idea di fare un pic nic in campagna e che pic-nic sarebbe senza il Carpione?? Non uno degno di un piemontese :) Il Carpione, come viene chiamato in Piemonte, è una marinatura in aceto aromatizzato di verdure, carne o pesce precedentemente fritte.     
Devo dire che la cosa è un po' sfuggita di mano a me e mia madre: doveva trattarsi di due uova e qualche zucchina e invece...


Sua maestà Il Carpione - l'aceto


Il Carpione 


Ingredienti base:
500 g di alici da pulire
6 pesci Boga
4 uova
4 uova sode 
1 zucchina
8 piccole bistecche di pollo 
1 uovo e pangrattato per l’impanatura
farina
olio extravergine di oliva
olio di semi di arachide


Carpione Bianco:
500 ml di vino bianco secco
500 ml di aceto di vino bianco
3 grani di pepe nero
3 prese di sale fino 
2 spicchi d’aglio tagliati a metà
2 rametti di prezzemolo
1 e ½ cipolla bianca affettata
1 ciuffetto di salvia
½ carota piccola a tocchetti


Carpione Rosso:
700 ml di vino bianco secco
700 ml di aceto di vino rosso
4 grani di pepe nero
4 prese di sale fino
3 spicchi d’aglio tagliati a metà
3 rametti di prezzemolo
2 cipolle bianche
1 ciuffetto abbondante di salvia
½ carota a tocchetti

Preparazione:
  1. Pulite le alici e i pesci boga eliminando la lisca e la testa. Lasciate riposare il pesce su di un panno pulito in modo da assorbire l’acqua in eccesso. Infarinate e friggete in abbondante olio di semi.
  2. Utilizzate quattro uova per preparare una frittata, le altre quattro sode tagliatele a metà.
  3. Tagliate a fette sottili la zucchina e mettetele in un colino con del sale grosso per mezzora. Trascorsa la mezzora sciacquatele e riponetele su un panno pulito per assorbire l’acqua in eccesso. Infarinatele e friggetele.
  4. Passate le bistecche di pollo nell’uovo e nel pangrattato. Friggetele in olio extravergine di oliva.
  5. Disponete il fritto in due ciotole (il pesce in una e le restanti pietanze in un’altra) e mettete da parte.
  6. Procedete a preparare i due carpioni, il bianco per il pesce e il rosso per il resto: mettete tutti gli ingredienti necessari in una pentola e portate a bollore. Fate bollire un minuto e poi versate i due composti nelle rispettive ciotole ricoprendo per bene tutto.
  7. Lasciate raffreddare e riponete in frigorifero. Consumare freddo dopo 2 giorni. 

Sua maestà Il Carpione





venerdì 5 agosto 2011

Sorbetto alle more e altre idee per smaltirne un chilo

Sorbetto alle more


Avete delle more da smaltire ma siete stufi di invasare marmellata? Bene, il sorbetto di more è l'alternativa perfetta. Son sincera, non credevo potesse essere così buono :-) e poi vogliamo parlare del colore? Non è semplicemente stupendo? Qui a casa siamo già al secondo round...qualcosa mi dice che non produrremo molta marmellata quest'anno. Le dosi sono le stesse che trovate qui, io ho solo aggiunto la famosa farina di semi di carrube che impedisce la formazione dei cristalli di ghiaccio: il sorbetto rimarrà sempre morbido.


Sorbetto alle more

Ingredienti:
500 g di more
100 g di zucchero
il succo di un limone
un pizzico di farina di semi di carrube

Preparazione:

  1. Lavate le more e frullatele. 
  2. Passate al setaccio la purea ottenuta per eliminare i semini.
  3. Unite lo zucchero, il succo di limone e la farina di semi di carrube. Mescolate bene.
  4. Versate nella gelatiera e toglietelo quando avrà preso consistenza. Riponetelo in freezer.  

Sorbetto alle more



Vi lascio qualche altra idea di utilizzo per le more: