lunedì 20 agosto 2012

Torta di farina di segale alle more e mele


Torta di farina di segale alle more e mele

La produzione di more continua incessante e dopo chili di gelato si cercano altre alternative e si sfida il caldo accendendo il forno. La ricetta che vi propongo proviene da qui ma io ho utilizzato un miscela di farina di grano e segale per rendere il tutto più rustico. La farina in questione si chiama Barbarià, è composta dal 60% di grano e 40% di segale e viene prodotta dalla Fattoria dell'Aglio di Caraglio (CN). Come spiegavo qui l'omonima coltura mista viene alternata a quella dell'aglio di Caraglio in un ciclo di turnazione quadriennale. Inutile dirvi che me ne sono innamorata e prevedo presto altre ricette a base di segale!


Ingredienti:
250 g di farina di grano e segale* 
mezza bustina di lievito per dolci
175 g di burro
175 g di zucchero grezzo di canna dulcita o muscovado
mezzo cucchiaino di cannella in polvere
2 cucchiai di zucchero di canna demerara
1 piccola mela
2 uova grandi
la scorza grattugiata di un limone
230 g di more 

Procedimento:
  1. Preriscaldate il forno a 180° C. Mescolate in una ciotola la farina e il lievito precedentemente setacciato. Unite il burro a tocchetti e lo zucchero muscovado. Lavorate il tutto "strofinando" con le dita in modo da formare delle briciole finissime. In alternativa potete mettere nel mixer/bimby tutti gli ingredienti e farlo andare a tratti ma attenzione a non esagerare se no il burro tende a sciogliersi. 
  2. Prelevate 5 cucchiai rasi del composto appena ottenuto e mescolatelo alla cannella e allo zucchero demerara. Mettete da parte. 
  3. Sbattete le uova, grattugiate la mela e il limone e uniteli. 
  4. Unite a poco a poco il composto ottenuto al punto 1. alle uova. Mescolate il tutto bene.
  5. Unite al composto tre quarti delle more (io le ho frullate grossolanamente prima ma potete lasciarle anche intere) e tenetene da parte una manciata per la decorazione.
  6. Versate il composto ottenuto in uno stampo da plumcake (indicativamente 24x8x6), decoratelo con le more rimaste e con il topping preparato al punto 2. 
  7. Infornate in forno caldo e cuocete per circa un'ora e un quarto, un'ora e mezza. Dopo 50 minuti controllate e se la superficie si è scurita troppo coprite con carta stagnola per poi procedere la cottura. 
  8. Lasciate raffreddare completamente prima di sformare il plumcake.  


* io ho utilizzato la farina Barbarià composta dal 60% di grano e 40% di segale e prodotta dalla Fattoria dell'Aglio di Caraglio (CN). Come da ricetta originale potere usare solo la 00. 


Torta di farina di segale alle more e mele


PS: la segnalazione di questa farina, esattamente come quella dell'aglio di Caraglio è del tutto spontanea e non commissionata o frutto di una collaborazione. In caso contrario su Fiordilatte trovereste il tag "Pubblicità". 


16 commenti:

  1. Che bella, ha un aspetto ...montagnoso :-)
    Ovviamente non ho la farina di cui parli, ma se taglio la 00 con quella di segale nelle proporzioni indicate secondo te esce fuori qualcosa di buono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si assolutamente! quando finirò questa, difficile da reperire, mi darò anche io al "taglio" della farina :)

      Elimina
  2. Mi piace moltissimo questa torta con la farina di segale ho giusto unj pacchetto da utilizzare e adesso so anche come:)!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  3. Che bella tutta addobbata a festa!!!Mi dici dove hai trovato quella tavola con quelle belle venature?

    RispondiElimina
  4. Ciao, ti scopro ora con vero piacere! Le torte rustiche mi piacciono tanto e qui in Germania la farina di segale si trova con facilita' , i tedeschi la usano tanto per il pane. Piacere, sono Letizia, se hai tempo e voglia passa a trovarmi, ho un blog da qualche mese. Intanto ti seguo con piacere, alla prossima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Letizia! uuuh mi hai fatto venire in mente che al Lidl (tedesco se non sbaglio) si trova una miscela per pane alla segale!

      Elimina
  5. che rustica e saporita! adoro i frutti rossi abbinati a farine grezze!

    RispondiElimina
  6. Ciao! arriviamo giuste per l'ora di merenda! integrale e rustica ci piace ancora di più!
    un bacione

    RispondiElimina
  7. ehilà! Intanto complimenti per la temerarietà dimostrata nell'accendere il forno.. In secondo luogo ha un aspetto molto invitante, le more sono fra quei frutti ai quali non saprei proprio resistere:)
    Lieta di aver scoperto il tuo blog!
    A presto:**

    RispondiElimina
  8. Adoro il profumo e la rotondità della farina di segale, e trovo l'accoppiata mele e more più che vincente; è l'ultimo abbraccio dell'estate che dà il benvenuto all'autunno, un connubio davvero perfetto, complimenti!
    Il tuo blog è stata davvero una bellissima scoperta, a presto!

    RispondiElimina

Mi spiace per il fastidioso captcha ma qui siam sommersi dallo spam! Portate pazienza ;-)