lunedì 27 agosto 2012

Frolla all'olio extravergine di oliva

Frolla all'olio extravergine di oliva e farina di segale


Avevo già provato tempo fa una ricetta che mi permettesse di sostituire il burro della classica pasta frolla con l'olio ma come potete leggere gli ingredienti sono troppi. Cercavo qualcosa di più semplice ed immediato e la risposta  l'ho trovata da Ornella del blog Gialla tra i fornelli. Vi segnalo anche la versione di Gaia di Shake and Bake che prevede un mix di olio di oliva e mais e sarà la prossima ad essere testata :-) Io sono rimasta davvero contenta del risultato, l'olio di oliva non è per niente invadente e il risultato mi è parso davvero soddisfacente! Mi sono limitata a sostituire la farina 00 con quella mista a segale di cui vi ho già parlato qui.


Ingredienti:
150 g di farina di grano e segale* 
50 g di zucchero
50 g di olio di oliva 
1 uovo
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
scorza di mezzo limone

*(60% grano, 40% segale)

Procedimento:
  1. Mescolate la farina, il lievito setacciato, lo zucchero e la scorza di limone grattugiata. 
  2. Impastate il tutto insieme all'olio in modo da ottenere un composto sabbioso. Potete farlo a mano oppure inserire tutto nel mixer/bimby e azionarlo finché non sarà tutto omogeneo.
  3. Aggiungete l'uovo e il sale e impastate finché il composto non risulterà bello liscio. Formate una palla e riponetela in frigorifero a riposare per 20 minuti.
  4. Preriscaldate il forno a 180°C.
  5. Riprendete l'impasto, stendetelo ad uno spessore di circa 3 mm e rivestite una tortiera da 22-24 cm di diametro precedentemente ricoperta di carta forno (io stendo la pasta direttamente sulla carta forno e poi la inserisco nella tortiera). 
  6. Procedete con la cottura in bianco: sarà sufficiente un foglio di carta forno sulla pasta ricoperto di legumi o se le possedete, di sfere di ceramica. 
  7. Infornate in forno caldo per circa 15 minuti. Io mi sono resa conto che questa pasta non gonfiava e a metà cottura ho eliminato i legumi. 
  8. Lasciate raffreddare e farcite a piacere.

Io ho farcito la torta con la dose di 1 uovo di crema pasticcera e tre pesche tagliate a fette e precedentemente lasciate macerare con il succo di mezzo limone. Per lucidare la frutta potete utilizzare il ricetta che trovate qui

Frolla all'olio extravergine di oliva e farina di segale


PS per chi fosse interessato questo weekend, il 1 e 2 settembre si svolge a Cocconato (AT) la manifestazione sul vino Coccowine. Per maggiorni informazioni vi rimando a gowinet.it . Io e Gaia ci saremo!

venerdì 24 agosto 2012

Il Pasto nudo, la cucina consapevole e... un libro!

il libro del pasto nudo

Va bene molti di voi sono ancora in vacanza ma per chi fosse già rientrato o non ancora partito vorrei invitarvi a leggere questo post e se la faccenda vi intriga a contribuire qui. Io ho già preso il mio "lo voglio fresco di stampa" e non vedo l'ora di averlo tra le mani. Di cosa sto parlando??? Ma del primo libro del blog Il Pasto nudo! Se ancora non conoscete il loro blog credo che il libro possa essere un ottimo punto di partenza.

Mi rendo conto che comprare un libro prima che questo sia effettivamente uscito può sembrare strano ma se vi fidate di un'assidua lettrice pastonudista come me, via, date il vostro contributo senza pensarci! I

Per convincervi vi invito a guardare anche il video che Sonia, Izn sul blog, ha realizzato:





Allora? Avete contribuito? :-)

lunedì 20 agosto 2012

Torta di farina di segale alle more e mele


Torta di farina di segale alle more e mele

La produzione di more continua incessante e dopo chili di gelato si cercano altre alternative e si sfida il caldo accendendo il forno. La ricetta che vi propongo proviene da qui ma io ho utilizzato un miscela di farina di grano e segale per rendere il tutto più rustico. La farina in questione si chiama Barbarià, è composta dal 60% di grano e 40% di segale e viene prodotta dalla Fattoria dell'Aglio di Caraglio (CN). Come spiegavo qui l'omonima coltura mista viene alternata a quella dell'aglio di Caraglio in un ciclo di turnazione quadriennale. Inutile dirvi che me ne sono innamorata e prevedo presto altre ricette a base di segale!


Ingredienti:
250 g di farina di grano e segale* 
mezza bustina di lievito per dolci
175 g di burro
175 g di zucchero grezzo di canna dulcita o muscovado
mezzo cucchiaino di cannella in polvere
2 cucchiai di zucchero di canna demerara
1 piccola mela
2 uova grandi
la scorza grattugiata di un limone
230 g di more 

Procedimento:
  1. Preriscaldate il forno a 180° C. Mescolate in una ciotola la farina e il lievito precedentemente setacciato. Unite il burro a tocchetti e lo zucchero muscovado. Lavorate il tutto "strofinando" con le dita in modo da formare delle briciole finissime. In alternativa potete mettere nel mixer/bimby tutti gli ingredienti e farlo andare a tratti ma attenzione a non esagerare se no il burro tende a sciogliersi. 
  2. Prelevate 5 cucchiai rasi del composto appena ottenuto e mescolatelo alla cannella e allo zucchero demerara. Mettete da parte. 
  3. Sbattete le uova, grattugiate la mela e il limone e uniteli. 
  4. Unite a poco a poco il composto ottenuto al punto 1. alle uova. Mescolate il tutto bene.
  5. Unite al composto tre quarti delle more (io le ho frullate grossolanamente prima ma potete lasciarle anche intere) e tenetene da parte una manciata per la decorazione.
  6. Versate il composto ottenuto in uno stampo da plumcake (indicativamente 24x8x6), decoratelo con le more rimaste e con il topping preparato al punto 2. 
  7. Infornate in forno caldo e cuocete per circa un'ora e un quarto, un'ora e mezza. Dopo 50 minuti controllate e se la superficie si è scurita troppo coprite con carta stagnola per poi procedere la cottura. 
  8. Lasciate raffreddare completamente prima di sformare il plumcake.  


* io ho utilizzato la farina Barbarià composta dal 60% di grano e 40% di segale e prodotta dalla Fattoria dell'Aglio di Caraglio (CN). Come da ricetta originale potere usare solo la 00. 


Torta di farina di segale alle more e mele


PS: la segnalazione di questa farina, esattamente come quella dell'aglio di Caraglio è del tutto spontanea e non commissionata o frutto di una collaborazione. In caso contrario su Fiordilatte trovereste il tag "Pubblicità". 


venerdì 17 agosto 2012

Insalata di ceci e pecorino al limone

Siamo appena rientrati da un magnifico tour in Umbria e siamo ancora in fase di ripresa. Sto cercando di sistemare le centinaia di foto che ho fatto per scrivere come al solito una sintesi della vacanza con qualche spunto e indirizzo utile. Nel frattempo vi lascio una ricettina che ho preparato ispirandomi ad un'insalata di ceci assaggiata in occasione di Calici di Stelle a Torgiano (PG). In genere per me ceci = hummus oppure zuppa ma voglio imparare ad usarli più spesso e in modi più vari :-) 


Insalata di ceci e pecorino al limone


Ingredienti per 4
200 g di ceci
mezza cipolla
una costa di sedano
rosmarino
scorza di limone 
prezzemolo
pecorino
olio extravergine di oliva
sale e pepe

Preparazione:

  1. Mettete in ammollo in acqua fredda i ceci per circa 12 ore o come diversamente specificato sulla confezione;
  2. Dopo l'ammollo cuocete i ceci in abbondante acqua insieme a mezza cipolla, una costa di sedano e qualche ago di rosmarino;
  3. Dopo circa 1 ora (controllate il tempo di cottura sulla confezione dei vostri ceci) scolateli, eliminate la cipolla e il sedano e lasciate raffreddare;
  4. Condite i ceci con la scorza grattugiata di mezzo limone, del prezzemolo tritato e del pecorino a scaglie.
  5. Ultimate con olio extravergine di oliva, pepe e aggiustate di sale.

Insalata di ceci e pecorino al limone