lunedì 27 maggio 2013

Il primo gelato della stagione: cioccolato e rum

Io vorrei proprio dedicarmi alle ricette estive anche se il tempo non collabora. A tratti sembra autunno, a volte primavera...e quando capita che sbuchi fuori il sole io tiro fuori la mia fedele gelatiera Gaggia. Ho scoperto di amare alla follia il gelato al cioccolato e rum grazie ad una gelateria di Milano, Shockolat (ex Chocolat), che proponeva questo gusto. Le proporzioni di panna e latte sono più o meno quelle di sempre ma ho preso l'ispirazione qui tralasciando i tuorli d'uovo. I tuorli non sono affatto necessari se utilizzate un pizzico di farina di semi di carrube (farina di semi eh, quella bianca, non la farina di carrube!).


Gelato al cioccolato e rum


Ingredienti:
200 ml di panna fresca
200 ml di latte fresco intero
120 g di cioccolato fondente (50%)
15 g di cacao amaro
20 g di zucchero di canna dulcita
2 cucchiai di rum
1/4 di cucchiaino di farina di semi di carrube

Preparazione:
  1. Mettete sul fuoco la panna, il latte e il cioccolato fondente tritato. 
  2. Una volta che sarà sciolto, unite pian piano il cacao setacciato e mescolate finché non ci saranno più grumi e infine lo zucchero. 
  3. Spegnete il fuoco e unite il rum e la farina di semi di carrube.
  4. Lasciate raffreddare e versate il composto nella gelatiera. Ci vorranno circa 20/25 minuti ma dipende anche dal modello di gelatiera che possedete.


Gelato al cioccolato e rum




martedì 21 maggio 2013

Mousse al cioccolato bianco e limone con gelatina di fragole

L'abbinamento cioccolato bianco e limone mi tormentava da tempo: più o meno da quando un Natale ho assaggiato un cioccolatino con questi sapori ma anche da quando Edda ha postato questa mousse. Complice un weekend di sole e la voglia di un dessert fresco ed estivo sono riuscita finalmente a metterlo in pratica. Ho deciso poi di servirne delle porzioni piuttosto piccole in modo da non appesantire troppo il fine pasto. Le tazzine che ho scelto per servire la mousse arrivano dritte dritte da VEGA Forniture Alberghiere, azienda bolzanese, sul cui sito troverete attrezzature da bar, articoli del settore hotellerie ma anche attrezzature per la cucina e la ristorazione... un piccolo paese dei balocchi insomma ;-) 

Mousse di cioccolato bianco e limone con gelatina di fragole


Ingredienti
10/12 porzioni:

Per la mousse:
200 g di cioccolato bianco
200 ml di panna
200 ml di latte fresco intero
3 gocce di olio essenziale di limone*
1/2 cucchiaino di agar in polvere** 

Per la gelatina di fragole:
180 g di fragole
il succo di mezzo limone 
un cucchiaino di zucchero
1/2 cucchiaino di agar in polvere**


Preparazione:
  1. Mettete sul fuoco il cioccolato, la panna e il latte e le gocce di olio essenziale (sostituibili con la scorza di un limone grattugiata). 
  2. Quando il cioccolato sarà completamente sciolto unite l'agar e portate a bollore. Fate bollire per circa 2/3 minuti. 
  3. Versate nei bicchierini che avrete scelto, lasciate raffreddare e riponete in frigorifero per circa un'ora.
  4. Nel frattempo pulite le fragole, tagliatele a pezzi e frullatele insieme al succo di mezzo limone, lo zucchero. Mettete sul fuoco, unite l'agar, portate a bollore e fate bollire per 3 minuti. 
  5. Lasciate intiepidire la purea di fragole (non troppo che l'agar solidifica a temperatura ambiente, fate attenzione) e versatene uno strato sopra la mousse di cioccolato bianco.
  6. Riponete di nuovo in frigorifero per un paio d'ore. Al momento di servire, decorate con delle fragole.

*   io utilizzo spesso nei dolci l'olio essenziale di limone di questa marca qui perché è commestibile. Nella ricetta potete utilizzare la scorza grattugiata di un limone
** io ho utilizzato i set per le misure inglesi che ormai trovate dappertutto


Mousse di cioccolato bianco e limone con gelatina di fragole



Post in collaborazione con Vega Forniture Alberghiere




lunedì 6 maggio 2013

Kumquat canditi o...sciroppati?

Kumquat


Il ponte del 25 aprile l'abbiamo passato sul Lago di Garda e tra le cose che ci siamo portati a casa c'erano anche dei kumquat. Per evitare di farli marcire e buttarli abbiamo pensato di candirli... o forse sciropparli. Dico così perché il risultato finale non è esattamente un candito asciutto dato che il frutto rimane abbastanza appiccicoso e umido. La ricetta è di Alex del blog Foto e Fornelli e io mi sono limitata a modificare la preparazione iniziale dei kumquat preferendo più fasi di bollitura, come suggerito in tante ricette che si trovano in rete, all'ammollo in acqua e bicarbonato previsto. Non pensavo fossero così semplici da realizzare e così buoni. Potete utilizzarli come decorazione per dolci, sul gelato o su una panna cotta o semplicemente mangiarli così!


Kumquat canditi




Ingredienti:
1 kg di kumquat
1 kg di zucchero
1 litro di acqua
1 cucchiaino di bicarbonato

Preparazione:
  1. Sciacquate bene i kumquat e forateli ripetutamente su tutti i lati  con uno stecchino. Metteteli in una pentola con acqua fredda, portate ad ebollizione e scolateli. Ripetete per altre due volte, utilizzando sempre acqua pulita.
  2. Preparate quindi uno sciroppo portando ad ebollizione acqua e zucchero. 
  3. Immergetevi i mandarini cinesi e fate bollire a fuoco basso per 30 minuti. Togliere dal fuoco e lasciare i mandarini immersi nello sciroppo per 24 ore. 
  4. Il giorno dopo, togliete i frutti dallo sciroppo, riportatelo a bollore e immergervi i frutti. Fate bollire a fuoco basso per 20 minuti e lasciare i mandarini immersi per altre 24 ore. 
  5. Il giorno dopo ripetete l'operazione al punto 4. Fate quindi raffreddare i mandarini e conservarli insieme allo sciroppo in un contenitore di vetro. 


Kumquat canditi




Ps del nostro weekend sul Lago di Garda ahimè ho pochissime foto dato che il tempo è stato piuttosto brutto. Vi lascio giusto due dritte al volo:

  • se passate da Gardone Riviera (BS) fermatevi al Giardino Botanico André Heller. Il costo non è indifferente (10€) ma in primavera ne vale assolutamente la pena!
  • se passate da Rivoltella, vicino Desenzano del Garda, fermatevi a mangiare alla Taverna del Lago. Si tratta di un locale vecchio stile e la specialità della casa è ovviamente il pesce di lago. Prezzi sui 25 euro a testa con vino sfuso. Noi ci siamo tornati tre volte in tre giorni :-)

Lago di Garda